Creazione di un quadro elettrico per CyBeer senza scheda di estensione

Creazione di un quadro elettrico per CyBeer senza scheda di estensione

Premessa doverosa, in questo articolo spiegherò come si costruisce un quadro minimo per poter usare CyBeer. Siccome il quadro è a tutti gli effetti un quadro elettrico dove passa corrente a 220V fate molta attenzione perchè è pericoloso, fatevi aiutare da un elettricista e non improvvisatevi tali se non avete le competenze perchè il sottoscritto non si prende nessuna responsabilità.

Premessa fatta, ora entriamo nel vivo. Come prima cosa prima di fare il quadro dobbiamo progettarlo e pensare come lo vogliamo soprattutto in funzione del nostro impianto elettrico. Ci sono due differenti modi per costruirsi un impianto, che ricordiamolo è basato sull’avere un raspberry (un computer piccolissimo) avere o meno una scheda di estensione.

In questo articolo parleremo come costruire il quadro senza scheda di estensione (con la scheda ne parleremo in un secondo post). Prima domanda, quante pentole ha il nostro impianto? Usiamo pompe o miscelatori automatici? Supponiamo un sistema classico di 3 tini, quindi avremo bisogno di:

  • 3 prese di corrente (vero in parte, in realtà potrebbero bastare 2 perchè quando siamo in boil non ci servono più quelle di Mash e Sparge).
  • 3 relè allo stato solido chiamati SSR sono gli actor in CyBeer (anche in questo caso potrebbero bastare due).
  • Se abbiamo una pompa per il ricircolo o un sistema di miscelamento automatizzato abbiamo bisogno di un’altra presa di corrente e un altro relè ma in questo caso potrebbe bastare un relè meccanico che è pù economico.
  • Servono tre sonde DS18b20 o geberalmente chiamate Dallas (anche in questo caso potrebbero bastare due),
  • 1 resistenza da 4,7 Ohm
  • 1 raspberry 3 o meglio il 4 con scheda SSD
  • 1 scatola che faccia da quadro (io ho usato una valigetta in plastica porta attrezzi)
  • 1 presa di corrente per alimentare il raspberry

Il quadro elettrico segue il seguente schema

Ovviamente il numero delle GPIO che ho messo io nell’esempio potete cambiarle, e dovete alimentare almeno un SSR tramite un pin GND (a vostra scelta potete fare il cavalotto come ho fatto io oppure collegate ogni SSR a un GND differente.

La parte delicata sta nel saldare le sonda Dallas, e configurare il raspberry per la sua configurazione.

Per questo vi lascio una llettura al seguente link. Vi ricordo che se vi dimenticare di saldare la resistenza da 4.7 OHM brucerete la sonda…

Questa è la descrizione di un impianto minimo, CyBeer permette la lettura di due sonde opzionali dalla versione 1.3 (versione in sviluppo al momento della scrittura di questo post). Potete aggiungere ventole per raffreddare il quadro, inserire interruttori di emergenza manuali etc.

Ovviamente dal rapsberry dovete abilitare il modulo per la lettura delle sonde Dallas, questo viene fatto dal menu –> Preferences –> Raspberry Pi Configuration –> Interfaces e da qui abilitare “1-Wire”

2 pensieri riguardo “Creazione di un quadro elettrico per CyBeer senza scheda di estensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *